I SOGNI SONO DEI BELLISSIMI DISEGNI COLORATI NEL CIELO DELLA SPERANZA

Condivido parola per parola.

Sirena Guerriglia Blog

“Un vincitore è semplicemente un sognatore che non si è mai arreso”

 Nelson Mandela

Adoro questa affermazione di Nelson Mandela. Cerco ogni volta di stamparmela in testa, non mi arrendo nel sognare, non mi voglio arrendere nello smettere di credere che i miei sogni un giorno si possano avverare, devo vincere la paura di non avere più nulla da sognare.

Nelson Mandela Nelson Mandela

Non smettiamo mai di sognare senza la forza dei sogni l’uomo non eleva la sua anima da terra, rimane ancorato a terra, schiavo del “materiale”, vuoto, arido assolutamente distaccato, ormai, dal bambino che fu:  irrimediabilmente grigio e senza speranza, si, perchè i sogni sono dei bellissimi disegni colorati nel cielo della Speranza.

(c) Lorella Ronconi #JeRuoule

C’è chi sogna di dominare il mondo e chi dedica tutta la vita alla creazione di una spada. E se c’è un sogno a cui sacrificare tutti se stessi, c’è anche un…

View original post 87 altre parole

Annunci

Imparariamo a sognare

Tutti i bambini sognano, e io non ero da meno.

Sognavo per esempio di diventare un supereroe come Goldrake, ma anche di diventare un astronomo e scoprire la vita extraterrestre.

Il primo sogno era una fantasia non realizzabile, il secondo si.
Il primo sogno serviva ad imparare a sognare, il secondo a capire cosa avrei potuto fare da grande, perché il progetto SETI era già realtà, e uno dei suoi più importanti sostenitori, il grande Carl Sagan, ne parlava in TV.
Il primo sogno serviva al bambino che ero, il secondo all’adulto del futuro.

Qualche sera fa ho partecipato ad un incontro per la costituzione di un circolo culturale nel mio paese. Erano presenti persone di tutte le età. Io ero nell’età “di mezzo”, ma c’era un ragazzo di 22 anni, esattamente la metà dei miei. La cosa che mi ha sorpreso di più è la sua disillusione, ma anche la sua dignità nel dire che sperava che quel circolo fosse per lui fonte di nuova speranza.

I temi proposti dall’ala più anziana e non condivisi da me per lui erano già sorpassati, ma era del tutto insopportabile l’atteggiamento nei confronti delle sue proposte, che pure a me parevano molto più concrete e significative: un paternalismo e una pietà che secondo me nascondevano solo paura.
Alla fine lui ha concluso così: “Se pensate che la mia generazione sia fatta da scemi poi non lamentatevi se lo diventiamo davvero. Il vostro compito non è quello di farci diventare delle vostre fotocopie, ma di insegnarci come andare alla ricerca della verità. Noi non vogliamo riscoprire quello che voi avete già scoperto, ma quello che rimane da scoprire. E a voi questo fa paura“.

Da parte mia l’ho ringraziato per la sua sincerità e gli ho detto, davanti a tutti, di continuare così. Ho sicuramente più da imparare da lui che dagli altri.

Poi in privato gli ho chiesto quanto il suo pensiero fosse rappresentativo di tutti i ragazzi della sua età. Lui mi ha risposto che la sua generazione purtroppo beve e fuma parecchio. E va già molto bene quando si ferma li. Gli ho domandato il perché. Mi ha risposto che il problema è che la maggior parte dei genitori dei ragazzi tra i 18 e i 24 anni hanno insegnato ai figli che la vita è “fiction”, è solo finzione. Hanno insegnato loro che non è importante ciò in cui si crede, ma fare finta di crederci. E questo a lungo andare diventa insopportabile e ti spinge a cercare ogni modo per evadere.

I miei figli hanno 5 e 9 anni. La più grande ha cominciato già da tempo a distinguere tra sogni realizzabili e sogni non realizzabili. Sogna per esempio di avere da grande una fattoria con tanti animali, ma non sogna più di riuscire a parlare con gli animali, se non per gioco.

Ho l’impressione che l’errore madornale di tanti genitori, e questo lo dico anche per esperienza diretta, sia che invece di insegnare ai propri figli a sognare vogliano insegnare loro cosa sognare, magari delegando anche il compito ad altri.
Sicuramente fare i genitori in questo modo è più comodo, perché se insegni ai figli a sognare poi non sai quali sogni faranno.
E se vogliono diventare piloti di formula 1? “Ma no, piccolo, è uno sport troppo pericoloso! E’ meglio che impari a giocare a tennis.
E se vogliono diventare astronauti? “Ma no caro, saresti sempre lontano da casa. Meglio che diventi un insegnante di scuola, così siamo vicini vicini anche quando sei grande.

Purtroppo però quando soffochi la capacità di sognare soffochi anche la vita.

Io non sono in grado di verificare in che percentuale il problema emerso nel corso della serata riguardi la generazione dei ventenni, e quindi non posso ne’ voglio generalizzare. Vedo però parecchi ventenni già mezzi brilli alle 18.30 per avere trangugiato un bottiglione di vino a stomaco vuoto nel bar più alla moda del mio paese. Intendiamoci, una sbornia capitava anche a me e ai  miei amici di allora, quando avevamo 20 anni: ma erano eccezioni, trasgressioni e non l’abitudine.

Se c’è una cosa che devo riconoscere a mio padre è quella di avermi insegnato a coltivare i miei sogni. E’ grazie a questo che non ho avuto paura di studiare la fisica teorica: anche se sapevo che non ero un genio e che probabilmente non sarei diventato un ricercatore la fisica mi appassionava. E comunque le competenze informatiche acquisite in quegli anni di studio mi avrebbero consentito di cercarmi un lavoro, così come poi è in effetti avvenuto. 

Avere imparato a coltivare i miei sogni mi ha anche aiutato a superare la paura di sposarmi e di scegliere coscientemente di fare due figli.

Già, i miei due figli!
Per quanto mi riguarda mi sono ripromesso di non soffocare nemmeno il più piccolo dei loro sogni, ma mi accorgo che le parole contano poco. Conta invece tantissimo come mi comporto.

Un esempio.
Sto cercando in tutti i modi, oramai da due anni, di conquistare un posto di lavoro più adatto a me. I miei figli vedono quanto lo sogno e fanno il tifo per me, ma l’effetto secondario è che sono attentissimi a come mi comporto e a come reagisco.
In questa vicenda ci sono stati molti alti e bassi, ma ho scoperto che per loro l’importante è che io non molli anche quando le cose non vanno come devono. Insomma: per loro non sono invincibile perché vinco sempre, ma perché anche quando perdo non sono “vinto”. Forse è la differenza che c’è tra un eroe e un supereroe …
Spero davvero di ottenere il nuovo lavoro, ma più importante ancora è insegnare ai miei figli che  “ormai che ho imparato a sognare non smetterò“. Perché anche loro non smettano mai di sognare una vita più bella e costruiscano un mondo migliore di quello che gli stiamo dando in mano noi.

L’ultima salita

A 10 anni dalla morte di Marco Pantani: grazie campione per avermi fatto sognare!

Corri più veloce del vento
il vento non ti prenderà mai
corri ancora adesso lo sento
sta’ soffiando sopra gli anni tuoi.
Dammi la mano fammi sognare
dimmi se ancora avrai
al traguardo ad aspettarti
qualcuno oppure no

Alieni nostrani

Luca Parmitano - Immagine del sito INAF

Luca Parmitano – Immagine del sito INAF

Glossario: INAF = Istituto Nazionale di AstroFisica

L’astronauta siciliano Luca Parmitano ha raccontato per la prima volta in Italia, presso l’Agenzia Spaziale Italiana, la sua esperienza sulla Stazione spaziale internazionale: dal lancio lo scorso maggio all’incidente della seconda EVA, dagli esperimenti scientifici alla passione per la fotografia.

[…]

Emozionato ha ricordato, davanti a un centinaio di bambini estasiati: “Con i miei occhi ho visto tutto l’universo e dall’altra parte la Terra, quel pianeta sul quale sceglierei di vivere anche se fossi un alieno e venissi da anni e anni di viaggi tra le stelle”.

Questo testo, tratto da questo splendido articolo INAF, ci mostra ancora una volta la grandezza di Luca Parmitano, quasi un alieno di fronte a chi invece, purtroppo, dice stupidaggini come quelle che potete leggere in questo altro articolo INAF.

Breve riassunto.

  • La Camera dei Rappresentanti USA, a maggioranza repubblicana, convoca tre scienziati per parlare di ricerca della vita extraterrestre.
  • Reazione dei repubblicani: “Credete ci sia vita là fuori? E che ci stiano studiando? E cosa pensano di New York?” il tutto accompagnato da risate.
  • Reazione dei democratici: “Discutere della ricerca di vita extraterrestre è uno spreco di tempo, considerando tutti i problemi più pressanti su cui il governo dovrebbe concentrarsi”.

Peccato che scoprire se esista la vita extraterrestre non sia solo una bizzarra curiosità di qualche scienziato, ma un’idea che fa sognare qualunque bambino (e anche parecchi adulti) di fronte a un cielo pieno di stelle. Cercare vita nello spazio non è solo scienza: è anche poesia. E’ coltivare sogni e speranza, perché ci fa capire chi siamo.

Dice una canzone dei Nomadi: “Su da bravi adesso tutti in fila, facciamoci cambiare la batteria che a curare l’arte e la poesia, Beh! ci pensa lo psicanalista e sia! Io voglio solo che arrivi sangue al cuore …”

Meno male che ci sono i Luca Parmitano, gli alieni nostrani che ci ridanno il coraggio per credere nell’homo sapiens!

Papa Francesco e la festa del papà

  1. Caro papà,
    vorrei esaudire ogni tuo desiderio.
    So che tu vorresti tanto comperare una casa in Polinesia e stare un po’ di giorni con noi in telelavoro.
    Tanti bacioni!
  2. Mio caro papà,
    lo so che sei goloso
    perciò ti ho preparato un dono appetitoso
    questi cioccolatini belli e colorati
    pieni dei miei pensieri
    che a te son dedicati.
    In uno c’è il mio affetto,
    nell’altro l’allegria
    nel terzo c’è un bacetto,
    nel quarto l’euforia
    che sento se passiamo
    una giornata insieme,
    perché caro papà,
    ti voglio tanto bene!

Sono gli auguri dei miei due figli.
Mi sono “sciolto” e non posso fare altro che ringraziare.

Oggi Papa Francesco ha detto: non abbiate paura della tenerezza.

Sembra che i miei due figli l’abbiano sentito.

O Signore nostro Dio, quanto è grande il tuo nome su tutta la Terra!
Con la bocca dei bambini e dei lattanti affermi la tua potenza!
(Salmo 8)

Messaggio da Alfa Centauri

Immagine tratta dal sito dello European Southern Observatory

Cari fratelli del pallido puntino blu, finalmente vi abbiamo visto. Adesso sappiamo che ci siete e che siete fisicamente tanto diversi da noi, ma per il resto molto simili.

Sappiamo che vivete su un pianeta magnifico, che ha caratteristiche uniche nel raggio di almeno 400 anni luce e molto diverse dai pianeti del nostro sistema stellare, composto da 3 stelle.

Eppure anche a voi piace osservare l’universo e vi chiedete “cosa c’è di là”.

Vi chiedete come noi quando e perché è nato tutto questo e se esiste Qualcuno o Qualcosa di più grande che l’ha pensato.

Vi chiedete come mai esseri che fanno parte di questo universo si rendano conto di esistere e rappresentino un pezzo di universo che osserva se stesso.

Come noi avete dei sogni, pensate ai vostri figli (si, anche noi ne abbiamo) e progettate per loro un futuro migliore.

Il nostro saluto arriverà fino a voi dopo 4 anni di viaggio ed è questo: qualsiasi sia il momento che state vivendo, bello o brutto, triste o esaltante, dolce o amaro, non rinunciate ai vostri sogni!

E se siete futuri governanti o aspirate ad esserlo non parlate di cose di poco conto. Dite ai vostri elettori che farete di tutto per capire chi siete e dove siete nell’universo e per studiare nuovi linguaggi di comunicazione quando scoprirete di non essere soli. Noi ne conosciamo uno magnifico, la chiamiamo musica. Non dimenticatevi dei sogni più grandi e più belli, quelli che eliminano i recinti, i confini, i fili spinati.

Siate veri figli di questo meraviglioso universo che è toccato in dono a tutti noi e trasformate il vostro pallido puntino blu in “un mondo uomo sotto un cielo mago”.

Sullo sfondo c’è il cielo senza nemmeno una nuvola

Immagine del tower bridge in occasione delle olimpiadi 2012

Immagine del tower bridge in occasione delle olimpiadi 2012

Che bello se sapessimo mantenere anche in età adulta certi sguardi sognanti e vedere i cieli senza nuvole tutte le volte che ci sono!

Nel giugno 2012 sono stato a Londra con mia moglie e mia figlia. Mancava circa un mese alle Olimpiadi.

Questa è la descrizione che mia figlia ha fatto del Tower Bridge la settimana scorsa.

Descrivo una foto di un luogo.
In primo piano c’è il ponte levatoio che si alza solo per far passare le navi molto alte.
Nella parte in alto del ponte che è di colore azzurro e grigio, dentro ci sono dei tavoli di colore marrone, sopra ci sono appoggiate bibite e bicchieri di vetro fragile.
In un’altra stanza c’è un computer con cui viene proiettato sul muro una scenetta divertente.
In secondo piano c’è il fiume, i palazzi e i grattacieli di colore giallo chiaro, grigio, marrone.
Sullo sfondo c’è il cielo senza nemmeno una nuvola.
Tutti possono visitare il Tower Bridge sia dentro sia fuori.