Vent’anni di vacanza

Nebulosa tarantola

Nebulosa tarantola

Tanto tempo è passato dalle mie ultime notti (serie) di astrofilo: quasi 20 anni.

Tante le ragioni: la laurea, il lavoro, poi il matrimonio e i figli piccoli.

Ma non vi ho mai dimenticato, ne’ si è mai spenta dentro di me la bellezza che mi avete lasciato.

E adesso è il momento di dire alle “mie” stelle: we never broke up, we only took a 20 year vacation (non ci siamo mai lasciati, ci siamo solo presi 20 anni di vacanza).

Rivivere l’emozione del mio primo telescopio

Vixen Super Polaris, riflettore 15 cm f5. Ricevuto in regalo nel giorno di Natale del 1984. Quanta bellezza nel cielo, quante emozioni …

Telescopio Vixen Super Polaris

Telescopio Vixen Super Polaris

 

Guarda in alto!

Luca Parmitano (immagine tratta dal suo blog)

Luca Parmitano (immagine tratta dal suo blog)

In questi giorni ha avuto molto successo questo articolo, postato dall’astronauta italiano Luca Parmitano, in orbita sulla Stazione spaziale internazionale ed autore di due “passeggiate spaziali”, la seconda delle quali poteva avere esiti drammatici.

Il post è un racconto appassionante e drammatico nello stesso tempo della sua esperienza.

Non so se qualcuno di voi ha mai avuto occasione di osservare i passaggi della stazione spaziale: alcuni di questi passaggi sono meravigliosamente visibili ad occhio nudo, al punto che vengono scambiati facilmente per UFO.

Uno dei commenti dell’articolo racconta dell’osservazione di uno di questi passaggi, dell’entusiasmo che tre bambini (il più piccolo non ha ancora 3 anni) hanno sperimentato, e del saluto che hanno inviato a Luca.

Credo che sia un esempio perfetto del fatto che dovremmo guardare in alto, molto oltre lo spread, l’IMU o il campionato di calcio: se c’è una cosa che traspare dal racconto di Luca è l’entusiasmo e la voglia di una prossima “EVA” (passeggiata spaziale). E’ incoscienza? Io credo di no, è semplicemente voglia di bellezza.

Le persone come Luca sembrano fatte apposta per ricordarci che il nostro destino può essere infinitamente migliore di quello che sembra, basta volerlo, e pazienza se la vita rischia di essere più corta: l’importante è che sia più bella e piena di amore.

Ricordate il “Discorso all’umanità” del film “Il grande dittatore” di Charlie Chaplin?

Guardiamo in alto: e grazie a Luca per questo articolo che ce lo ricorda!